Tag

, , , , , , , , , ,

Faccio parte di quella gran parte di persone (a cui riservo tutta la mia stima) che più che Italiani si sentono Napoletani. Se c’è una cosa,tra le tante, per cui vado fiera della mia splendida Napoli è il suo repertorio musicale. La canzone classica napoletana dagli inizi dell’ottocento ha dato vita a dei veri e propri tesori inestimabili.

Oggi è rara la possibilità di riascoltare musica di questa importanza ed è altrettanto raro avere dei cantanti degni di interpretare queste melodie, ad eccezione di Sal Da Vinci. A mio parere uno dei pochi figli d’arte che ha fatto onore al suo cognome. Nel suo album “Anime Napoletane” si sente una voce che sa come arrivare al cuore dei suoi ascoltatori.

Ho scelto una canzone in particolare di questo album, si chiama “Dicitencell vuie..” di cui vi mostro il testo affinchè ne apprezziate di più il significato.

ps:non amo le traduzioni del mio dialetto che modestamente è una lingua Patrimonio dell’Unesco per cui come tutte le lingue “‘mparatavell!”

Dicitencello a ‘sta cumpagna vosta
ch’aggio perduto ‘o suonno e ‘a fantasia…
cha penzo sempe,
ch’è tutta vita mia…

I’ nce ‘o vvulesse dicere,
ma nun ce ‘o ssaccio dí…

‘A voglio bene…
‘A voglio bene assaje!
Dicitencello vuje
ca nun mma scordo maje.
E’ na passione,
cchiù forte ‘e na catena,
ca mme turmenta ll’anema…
e nun mme fa campá!…

Dicitencello ch’è na rosa ‘e maggio,
ch’è assaje cchiù bella ‘e na jurnata ‘e sole…
Da ‘a vocca soja,
cchiù fresca de vviole,
i’ giá vulesse sèntere
ch’è ‘nnammurata ‘e me!

‘A voglio bene…

Na lácrema lucente v’è caduta…
dicíteme nu poco: a che penzate?!
Cu st’uocchie doce,
vuje sola mme guardate…
Levámmoce ‘sta maschera,
dicimmo ‘a veritá…

Te voglio bene…
Te voglio bene assaje…
Si’ tu chesta catena
ca nun se spezza maje!
Suonno gentile,
suspiro mio carnale…
Te cerco comm’a ll’aria:
Te voglio pe’ campá!…

Dicitencello a ‘sta cumpagna vosta
ch’aggio perduto ‘o suonno e ‘a fantasia…
cha penzo sempe,
ch’è tutta vita mia…

I’ nce ‘o vvulesse dicere,
ma nun ce ‘o ssaccio dí…

‘A voglio bene…
‘A voglio bene assaje!
Dicitencello vuje
ca nun mma scordo maje.
E’ na passione,
cchiù forte ‘e na catena,
ca mme turmenta ll’anema…
e nun mme fa campá!…

Dicitencello ch’è na rosa ‘e maggio,
ch’è assaje cchiù bella ‘e na jurnata ‘e sole…
Da ‘a vocca soja,
cchiù fresca de vviole,
i’ giá vulesse sèntere
ch’è ‘nnammurata ‘e me!

‘A voglio bene…

Na lácrema lucente v’è caduta…
dicíteme nu poco: a che penzate?!
Cu st’uocchie doce,
vuje sola mme guardate…
Levámmoce ‘sta maschera,
dicimmo ‘a veritá…

Te voglio bene…
Te voglio bene assaje…
Si’ tu chesta catena
ca nun se spezza maje!
Suonno gentile,
suspiro mio carnale…
Te cerco comm’a ll’aria:
Te voglio pe’ campá!…

Annunci